Una buona occasione – Andrea Gambino

Ore 00.00 del 1° gennaio 2021: quattro calici s’incontrano, il tintinnio dei bicchieri è acuto e mi sento grato di essere assieme a persone cui voglio bene. Vorrei abbracciarle e tenerle strette fino a mattina. Il 2020 è terminato. Non voglio abbandonarmi alla tentazione di considerarlo un anno catastrofico e da maledire per sette generazioni, ma preferisco vederlo come un anno che ci ha messo di fronte a grandi sfide, alla necessità di cambiamento e di assumersi responsabilità.

Prima che arrivasse il Covid-19 vivevamo nel torpore dell’abitudine e della fallace convinzione che non si possa cambiare. A marzo 2020, senza desiderarlo, abbiamo invece tutti dovuto stravolgere le nostre abitudini, profondamente e sotto ogni aspetto. Abbiamo dovuto cambiare il nostro quotidiano, le modalità di svago, le modalità di lavorare e, dannatamente, abbiamo dovuto cambiare anche il modo di stare assieme. Sicuramente, tutti i cambiamenti che hanno limitato il contatto umano sono stati sacrifici brutti, ma necessari e sarà molto bello tornare alla consuetudine.  

Però una cosa positiva è chiaramente emersa: cambiare è possibile.

Lo abbiamo fatto per non precipitare nel baratro durante la pandemia, perché non dovremmo riuscirci per migliorare la realtà in cui siamo immersi?

Altro elemento importante è che il cambiamento di cui parlo e che abbiamo sperimentato durante l’anno passato, è fatto di piccole azioni quotidiane, ma portate avanti dalla collettività. Questo significa che per cambiare si può agire fin da subito, senza aspettare grandi riforme strutturali a livello legislativo ed amministrativo che sono necessarie, devono essere fatte, ma richiedono molto tempo.

Mentre attendiamo indispensabili politiche ed azioni di sostegno al lavoro, alla qualità della vita e allo stato sociale, tutti possiamo impegnarci in azioni quotidiane di cambiamento.  

Ci si può chiedere allora quali cambiamenti quotidiani siano desiderabili e ciascuno di noi può provare a stilare una sua lista. La sera del 1° gennaio 2021, ho compilato il mio personale decalogo di spunti per il cambiamento che m’impegnerò a realizzare:

  1. Dialogare provando a capire un’opinione diversa, senza volerla soffocare con una malsana foga di assertività, che spesso non poggia su solide basi argomentative.
  2. Agire per convinzione e non per convenienza.
  3. Non alzare la voce quando discuto.
  4. Non essere eccessivamente geloso ed avaro del mio tempo: se condiviso diventa un bene prezioso.
  5. Iniziare un consumo critico, valutando la filiera produttiva e privilegiando chi porta avanti uno sviluppo equo e sostenibile delle risorse naturali e di chi lavora.
  6. Impegnarmi per la salvaguardia dell’ambiente, spostandomi a piedi o in bicicletta il più possibile, riducendo l’utilizzo dei prodotti monouso e documentandomi.
  7. Riconsiderare i miei pregiudizi.
  8. Portare avanti il mio impegno contro ogni tipo di discriminazione.
  9. Riconoscere i miei errori, dire “ho sbagliato” e trarne una lezione.
  10. Pensare criticamente.

La pandemia ha fatto indiscutibilmente molti danni sociali, economici, psicologici; molti di questi richiederanno tempo, riforme e politiche lungimiranti per essere sanati. Ma l’efficacia delle riforme dipenderà dal contributo di ciascuno di noi nel creare un sostrato fertile e questo sostrato possiamo e dobbiamo costituirlo fin d’ora. Ogni tempesta, una volta passata, introduce elementi di novità e presenta sempre una buona occasione per cambiare in meglio e io non voglio davvero lasciarmela sfuggire!

Uomini come alleati per la parità di genere Andrea Gambino

Sono un uomo, ho 38 anni e tre giorni fa, durante una tavola rotonda organizzata dall’associazione White Ribbon Canada1 dal titolo “Uomini come alleati per la parità di genere”, ho sentito per la prima volta l’espressione “toxic masculinity” – mascolinità tossica – che porta alla violenza basata sul genere.

Quanti di noi uomini hanno mai sentito tale espressione? Quanti di noi si sono mai interrogati su cosa sia una mascolinità sana e cosa una mascolinità tossica? Ma soprattutto, cosa ci porta a sviluppare una mascolinità tossica piuttosto che sana?

Al primo quesito, ognuno di noi può dare la propria risposta. In una ristretta cerchia di amici a cui ho chiesto, nessuno aveva mai sentito quest’espressione.

Una sana mascolinità non può prescindere dal rispetto delle donne, ma anche di ogni essere umano in generale. Come ben espresso dai partecipanti alla tavola rotonda di White Ribbon, una sana mascolinità non sopprime il naturale essere uomini, ma nemmeno lo limita con stereotipi che vedono un segno di virilità nel reprimere emozioni e sentimenti. Una sana mascolinità è quella che permette ad un uomo di esprimere amore, gioia, tristezza o paura. E’ quella che permette ad un uomo di piangere, di sbagliare, di sentirsi debole e vulnerabile, senza per questo ritenersi sconfitto e fargli venire meno la forza di rialzarsi e ricominciare.

Una mascolinità tossica è invece quella che porta a reprimere le proprie emozioni, e che sfocia nella violenza nei confronti delle donne in primis, ma aggiungerei anche nei confronti degli altri uomini e spesso di sé stessi. Infatti, tutte quelle volte che reprimiamo una vibrazione della nostra anima per non disattendere un’aspettativa sociale ed ambientale, è una violenza fatta a noi stessi, che può poi essere rovesciata su chi abbiamo attorno.

Importante è poi considerare che violenza è un termine molto ampio, e non deve essere ridotto ad un atto fisico. Violenza è qualsiasi atteggiamento di prevaricazione, è qualsiasi accettazione di privilegi o penalizzazioni basati sul genere, è negare ciò che è altro, è respingere l’ascolto ed è una disposizione mentale che tende a schiacciare, volendo creare un rapporto di subalternità.

Ma soprattutto, cosa ci porta a sviluppare una mascolinità tossica?

In modo acuto e preciso, il filosofo Umberto Galimberti sostiene che “l’identità non è una dote naturale, ma è un dono sociale”2, è cioè il frutto del riconoscimento datoci dagli altri. Anche in un articolo scritto per presentare la campagna “Boys don’t cry3, portata avanti da White Ribbon, viene presentato un concetto simile, ovvero nel momento in cui nasciamo il nostro genere ci attribuisce caratteristiche e regole di comportamento. Tipicamente l’uomo è duro, non piange, non mostra sentimenti né debolezze, non ha paura e deve avere successo. Una pubblicità di alcuni anni fa, proponeva un profumo come quello per “l’uomo che non deve chiedere mai”.

Sebbene alcuni passi avanti siano stati fatti – lo provano la partecipazione attiva di uomini in White Ribbon e lavori come il libro di “How to raise a boy” di Michael Reichert4 – questi sono stereotipi ancora presenti, a cui contribuisce l’intero apparato sociale e che hanno un rapporto di causalità con la disparità di genere e le violenze. Dobbiamo superarli assieme, uomini e donne.

In primis, ogni uomo deve iniziare a condannare fermamente e deprecare ogni atto di violenza o comportamento sessista, per piccolo che possa essere e per quanto perpetrato da persone a noi vicine. Battute sessiste, apparentemente innocue, ma che non lo sono e che feriscono, possono celare una radicata disposizione mentale che può portare a rapporti tossici e violenti. Pur avendo sempre parteggiato per equità e rispetto e non essendomi mai ritenuto violento, confesso di aver fatto battute sessiste senza quasi rendermene conto, perché normalmente accettate ed attese dagli altri uomini e da alcune donne, ma involontariamente subite dalla gran parte delle altre donne. Sembrava quasi naturale e richiesto dal mio essere uomo.

Il punto non è negare l’esistenza di differenze di genere che ci sono per natura e che non devono assolutamente essere annullate. La diversità nel mondo è sempre un valore ed una ricchezza. E non dobbiamo nemmeno rifiutare la possibilità di scherzare e giocare con queste differenze, ma dobbiamo imparare a ridere con e non a ridere di. Lo scherzo ed il gioco devono essere fatti assieme, nel pieno rispetto dell’individualità di ciascuno, del genere e con divertimento reciproco.

Ma una ferma condanna di atteggiamenti sessisti non sarà sufficiente a risolvere il problema. Serve un impegno collettivo a più livelli, che coinvolga in ogni ambito adulti e ragazzi, uomini e donne. L’associazione White Ribbon sul suo sito propone un interessante decalogo di come promuovere una sana mascolinità5. Alla base di questi dieci consigli pratici, c’è l’educazione a provare emozioni, l’abitudine al confronto e il rispetto delle diversità.

I cambiamenti comportamentali devono essere opportunamente stimolati, una corretta e strutturata educazione è necessaria e campagne di sensibilizzazione volte a rovesciare modelli negativi possono essere molto utili, ma ritengo che l’attualizzazione del cambiamento si abbia solo nel quotidiano agire concreto. Impegnamoci tutti!

Bibliografia

  1. https://www.whiteribbon.ca/#
  2. Umberto Galimberti, L’identità – YouTube
  3. https://www.whiteribbon.ca/boysdontcry.html
  4. “Non educate i ragazzi alla mascolinità tradizionale”, Livia Paccarié interista Michael Reichert, Huffington Post, 30 Ottobre 2020 (huffingtonpost.it)
  5. how_to_promote_healthy_masculinity.pdf (whiteribbon.ca)

Sorvegliati Digitali – Fulvia Richiardone

Pochi ne parlano, molti cercano di non pensarci per paura di quello che potrebbero scoprire, ma ormai non possiamo negare di essere diventati Sorvegliati Digitali. Tutto ciò che facciamo online viene tracciato, i dispositivi ultratecnologici di cui ci piace circondarci prelevano i nostri dati, conoscono le nostre abitudini e tutte queste informazioni, una volta elaborate, tramite il processo di intelligenza arificiale, vengono trasformate in “prodotti predittivi” (che possono prevedere il nostro comportamento), vendute più volte (perchè uno stesso dato più essere venduto ad un numero illimitato di acquirenti) nel “mercato dei comportamenti futuri”, dove molte aziende hanno interesse a comprare. In questo modo le nostre scelte future diventano prevedibili e possono essere influenzate, comprese le scelte politiche ed economiche.

Abbiamo perso il controllo sull’uso dei nostri dati e nonostante vi siano leggi a tutela della privacy, queste vengono costantemente violate, perchè conviene pagare le multe piuttosto che rinunciare a incassare cifre inimmaginabili dal commercio dei nostri dati.

Tutto questo ce lo spiega Shoshana Zuboff, professoressa alla Harvard Business School che ha raccolto tutte le sue ricerche in un libro: Il Capitalismo della Sorveglianza.

PenSiamo sta svolgendo un progetto di ricerca sulla questione per poter diffondere una corretta informazione e portare ad una maggiore consapevolezza gli utenti ignari.

Per donne e uomini: istruzioni per non avere paura di una donna al potere – Fulvia Richiardone

La scelta di una donna come vice presidente degli Stati Uniti fa pensare parecchio.

Soprattutto perché a sceglierla è stato un uomo, un uomo, che così facendo, dimostra di non aver paura di essere messo in ombra da una donna capace e competente.

Anzi Kamala Harris è stata scelta anche nell’ottica di prendere un giorno il posto di Joe Biden considerando la di lui età avanzata. Questi sono fatti, non parole.

Spesso invece siamo bravi/e solo a parole a dire che le donne valgono quanto gli uomini. Ci comportiamo come se non potessimo ammettere che in un sistema basato sui diritti quale il nostro, l’uguaglianza tra uomo e donna di fatto non c’è ancora. E che non ci sia è evidente. Se ci fosse, sarebbero donne almeno la metà dei membri delle più alte cariche dello stato, del settore pubblico e di quello privato. Gli uomini otterrebbero mesi di paternità dopo la nascita dei/lle figli/e e la gestione famigliare sarebbe divisa tra uomo e donna.

Perché la parità esiste nelle parole ma non nei fatti?

Perché il modello sociale più diffuso, sia tra donne che tra uomini, è ancora quello dell’uomo che mantiene la famiglia e della donna che, pur lavorando, guadagna meno del marito, in compenso ha maggiore responsabilità sulla crescita dei figli, gestione della casa e della famiglia in generale.

Socialmente non c’è problema ad accettare che una donna non lavori per occuparsi della famiglia, mentre è più difficile accettare che un uomo non lavori per occuparsi della famiglia. L’uomo in questione viene subito sminuito, nel senso di privato di gran parte della sua virilità. La donna invece viene considerata normale perché sminuire le aspettative professionali della donna è qualcosa che siamo abituati a fare, è normale.

Il modello sociale ci influenza al punto che, anche se pensiamo che le donne siano capaci quanto gli uomini, in realtà nel momento di agire ci tiriamo indietro perché permane un’aspettativa sociale di divisione di ruoli tra uomo e donna. 

Molti uomini si sentirebbero di fatto sminuiti se avessero una donna che guadagna/lavora più di loro e molte donne si sentirebbero in colpa se avessero posizioni professionali più alte dell’uomo.

A un’analisi approfondita questo  modello sociale lede tanto gli uomini quanto le donne.

Lede gli uomini perché l’aspettativa sociale li costringe a dover dimostrare di essere professionalmente superiori alle donne in un periodo storico in cui sempre più donne lavorano intensamente per sviluppare la loro professionalità. Se in passato questo ruolo di superiorità lavorativa era per gli uomini accessibile perché la maggior parte delle donne non aveva aspettative professionali, oggi invece diventa un obiettivo irraggiungibile.

Se gli uomini devono quindi lasciare spazio alle donne in ambito lavorativo perché è dimostrato che il contributo femminile, anche in posizioni di comando, porta a una crescita economica, le donne invece devono lasciare spazio agli uomini all’interno della famiglia, perché è dimostrato che un padre presente e coinvolto farà del bene ai/lle figli/e.

Pertanto se siamo d’accordo nel considerare lo sviluppo economico e il benessere sociale come obiettivi principali della nostra società dobbiamo permettere questo cambiamento.

Come possiamo farlo?

Ad esempio come ha fatto Joe Biden: consapevole che uomini e donne non sono due squadre ma una sola, non ha paura che una donna possa affiancarlo ed eventualmente succederlo. Anzi ne ha scelta una, per di più di origine afro-asiatica. Questa scelta rende manifesto che per Biden mettere uomini e donne sullo stesso piano sia una consapevolezza acquisita e che collaborare, proprio in condizione di parità, possa essere elemento di forza e non di debolezza nel perseguimento di un obiettivo finale che non può che essere comune a uomini e donne.

Poter provare fiducia fin da quando siamo neonati determina il nostro benessere mentale da adulti – Dott.ssa Stefania Berno, psicanalista infantile

cropped-trust-is-smart-small-1.jpg

All’interno della campagna “TRUST IS SMART”, la Dott.ssa Stefania Berno, psicanalista infantile, spiega perchè TRUST IS SMART IN FAMIGLIA.

Fin dai primi mesi di vita si strutturano le basi per quella che sarà la capacità di avere fiducia in sé stessi e negli altri.

Il neonato prova emozioni che non riesce ancora a comprendere e ha bisogno del genitore che tenti di comprendere quello che il neonato sta provando. È importante considerare che il genitore non può comprendere sempre ma è fondamentale essere disponibili a provarci. Per esempio, quante volte abbiamo visto l’inizio del pianto di un neonato? Il genitore che ha il desiderio di comprendere inizia a farsi delle domande sul motivo del pianto. Sarà mal di pancia? Fame? Potrebbe non essere nessuna di queste ma il neonato è in grado di percepire la disponibilità del genitore a comprenderlo per aiutarlo.

Al contrario, se il neonato non sente la disponibilità a comprenderlo o sente addirittura il rifiuto, cioè il genitore che si allontana o si arrabbia perché non riesce a tollerare le emozioni provocate in lui dal pianto del neonato, questi ne sarà spaventato. Infatti il neonato avrà paura lui stesso delle proprie emozioni perché queste non sono state accolte dal genitore che per lui rappresenta la possibilità di poter avere un contenitore che possa accogliere e digerire le emozioni provate. Per esempio, al neonato che piange nella culla vengono dati oggetti consolatori (es. il ciuccio) ma non accompagnati dal desiderio di accudire e comprendere piuttosto di zittire un pianto percepito come intollerabile dal genitore.

Bisogna rispettare e comprendere le difficoltà del genitore e non giudicarlo per questo, perché in questo scambio genitore-neonato rientrato in gioco le esperienze infantili del genitore che a sua volta può non essere stato compreso da piccolo.

E’ infatti molto importante dare un sostegno ai genitori nei primi anni di vita del bambino per permettere ai genitori di entrare in contatto consapevolmente con le loro esperienze infantili anche se difficili al fine di costruire al meglio il rapporto con i propri figli. La Tavistock Clinic di Londra, centro mondiale di ricerca per l’infanzia, che ha tra i suoi membri gli psicanalisti infantili internazionalmente più accreditati (Melanie Klein, Esther Bick, Donald Winnicot…), da anni lavora sull’osservazione madre-neonato (Infant Observation) per poter spiegare ai genitori come la struttura psicologica del neonato evolve a seguito del rapporto con i genitori. Accedendo in questo modo ad aspetti di cui i genitori non possono essere consapevoli ma che sono invece molto importanti.

Nel caso il genitore non riesca ad accogliere le emozioni del neonato a causa delle sue difficili/non sufficientemente buone esperienze infantili, è ancora possibile intervenire con l’intervento di uno psicanalista. Qui l’adulto rivive le sue esperienze neonatali e trova nella mente strutturata dell’analista il contenitore che le accoglie e le elabora definendole e restituendole al paziente in modo riconoscibile e digeribile. In questo modo il genitore ne diventa consapevole e grazie a questa consapevolezza può cambiare il suo modo di relazionarsi al proprio figlio. Ad esempio, quando il bambino piange nella culla, il genitore può, prima sentirsi sopraffatto dalla paura dovuta alla sua esperienza infantile ma potrà poi riconoscerla e quindi limitarla. A questo punto sarà in grado di attivare comportamenti più costruttivi con il neonato.

Classi on line? Una sfida per il futuro

classi on line
Il coronavirus ha costretto le scuole di molti paesi a modificare il modo in cui insegnare per adattarsi alla mancanza di presenza fisica in classe. Con molta fatica la maggior parte degli insegnanti sta cercando di sperimentare nuovi metodi on line, mentre altri si limitano a dare e correggere compiti a distanza. I genitori sono sfiniti, tra lo smart working, la gestione della casa, la mancanza dei nonni come aiuto, i compiti dei figli…

Tutto questo succede mentre migliaia di persone muoiono ogni giorno o sono in ospedale in pericolo di vita a causa del coronavirus.

Dal mese di marzo 2020 in Italia quasi tutte le scuole stanno usando una forma di insegnamento a distanza. In particolare, nel 97,7% delle scuole la totalità o maggioranza del personale insegna a distanza (indagine Cisl su un campione di 2600 scuole, il 30% del totale delle scuole in Italia).

Questo improvviso spostamento verso la didattica on line ha costretto la scuola italiana a un cambiamento repentino. Le insegnanti si sono viste di punto in bianco costrette a cambiare metodo didattico affrontando grandi problemi. Tra questi sicuramente anche il fatto di non sapere come organizzare una lezione on line.

Per sapere come tenere un corso on line ci vogliono ore di preparazione. Le dinamiche della didattica on line sono diverse da quella frontale. Si dovrebbe, ad esempio, seguire un corso su come insegnare on line e poi iniziare a sperimentare quanto appreso. Terminata la sperimentazione si potrebbe essere pronte per la didattica on line. Ma non c’è stato il tempo per fare tutto ciò!

Buttate dall’oggi al domani nel mondo della didattica on line le insegnanti devono improvvisare. Possono cercare di applicare metodi simili a quelli della didattica frontale, apportando qualche piccolo cambiamento. Questo è un ottimo inizio, purtroppo però non è abbastanza per organizzare un corso efficace. Ed alla fine le insegnanti potrebbero arrivare alla conclusione che l’insegnamento on line non funziona.

In realtà la didattica on line può essere usata in sostituzione/in aggiunta alla didattica frontale, almeno per un certo periodo. Fa mancare la spontaneità ed immediatezza delle interazioni ma apporta sicuri vantaggi in un periodo di emergenza come questo.

Infatti da anni la didattica on line viene usata in diversi centri di formazione e Università (alcune sono completamente on line), dove i metodi di insegnamento sono stati progettati per insegnare a distanza. Si fa uso di classi on line, webinar, forum scritti, quiz, meeting individuali on line con il docente… In questi centri gli effetti della mancanza della vicinanza fisica vengono minimizzati, prevedendo strumenti alternativi.

È importante inoltre osservare che la didattica on line può essere molto utile agli stessi studenti, per due motivi. Innanzi tutto perché conference call, email, webinar sono tutti strumenti usati da chi lavora, dove ormai la distanza fisica ha acquisito meno rilevanza. In secondo luogo, la didattica on line si avvicina al modo di comunicare e imparare dei giovani che sono nativi digitali.

Insegnamento basato sul Pensare per affrontare le sfide della scuola ai tempi del coronavirus e oltre…

scuola covid 2
Una didattica basata sul pensare consiste in: analisi, ricerca, domande, confronto, applicazione, valutazione. Qualsiasi situazione gli studenti si trovino davanti dovranno prima analizzarla a fondo, aiutandosi con mappe mentali, cercando di capire di cosa si tratta esattamente. Dovranno fare ricerche per capire meglio alcuni aspetti, dovranno porsi domande su ciò che non è chiaro, dovranno confrontarsi con gli altri per comprendere la diversità di prospettive, dovranno provare ad applicare le conclusioni a cui sono arrivati, dovranno valutare se il tutto può funzionare, dovranno prevedere e decidere se poter correre rischi… Una didattica basata sul pensare costringe gli studenti ad essere attivi nel loro apprendimento, tutto dipende dal modo in cui pensano e non da ciò che ricordano.

Le scuole che applicano un metodo basato sul pensare si sono adattate all’insegnamento a distanza in modo efficace. Offrono classi on line, dove gli studenti partecipano attivamente alla lezione, pongono domande, fanno ricerche, si confrontano in discussioni on line, applicano/sperimentano, fanno valutazioni e arrivano a conclusioni. Lavorano su progetti a casa e on line, che li portano ad analizzare, valutare, ricercare, prendere decisioni, fare previsioni… Confrontano poi i progetti nelle classi on line. I professori non hanno problemi a fare le valutazioni perché le basano sul lavoro svolto nel complesso da ciascun studente.

Infine, questi studenti diventano adulti consapevoli perché applicheranno lo stesso procedimento nella vita. E ciò che conta è che imparano a scuola un modo di lavorare che, applicato in un futuro contesto lavorativo, darà efficacia e quindi successo al loro lavoro.

Un compleanno di Relax…

terra relax
Earth Day: oggi cinquantesimo anniversario della festa della terra! Senza volerlo le abbiamo regalato un compleanno di relax… In questi giorni di quarantena la terra è magnifica, ci manca… vogliamo davvero che torni come prima del Corona virus?

In base a diversi studi (University of California, Ohio State University, 2015) il primo segno di contaminazione umana risale al 1540 in Sud America. In una lastra di ghiaccio delle Ande peruviane sono stati trovati i primi segni di intenso inquinamento dovuto all’attività metallurgica coloniale spagnola. Sono quasi 500 anni che inquiniamo la terra!

TRUST IS SMART

trust is smart

La fiducia ha un ruolo fondamentale nelle relazioni umane.

In famiglia, se abbiamo fiducia nei nostri cari, stiamo tutti meglio, siamo più felici e più rilassati.

In ufficio,se abbiamo fiducia nei nostri colleghi, siamo più creativi, produttivi e ci divertiamo di più.

Come cittadini, se abbiamo fiducia nel nostro governo e accesso alle informazioni, partecipiamo e collaboriamo nella vita pubblica.

Gli Stati, se hanno fiducia negli altri governi, possono impegnarsi più facilmente ed efficacemente in una cooperazione reciproca in tutti i settori: scienza, finanza, beni di consumo…

La fiducia è parte fondante dell’attività di PenSiamo che inizia oggi la campagna: TRUST IS SMART.

Gianni Rodari

gianni rodari piccola

Gianni Rodari, un grande pansatore critico che ha usato la sua creatività per migliorare il mondo. Oggi l’anniversario della sua morte, 14 aprile 1980.

Grazie per tutto e anche per aver anticipato che la vera scuola è il mondo e non viceversa!

“C’è una scuola grande come il mondo…
ci si impara a parlare, a giocare, a dormire, a svegliarsi, a voler bene e perfino ad arrabbiarsi…
ci sono esami tutti i momenti ma non ci sono ripetenti…
questa scuola è il mondo intero, quanto è grosso: apri gli occhi e anche tu sarai promosso.”